Difendiamo la DEMOCRAZIA

Difendiamo la Democrazia

Noi elettori del CentroSinistra che abbiamo partecipato alle Primarie per la scelta del Candidato a Sindaco della Città di Nichelino per la  suddetta coalizione:

Facciamo Appello

Alla difesa della Democrazia e della Partecipazione popolare affinché sia rispettato il Voto  che ha dato il maggior numero di consensi ad Angelino RIGGIO.

Da oggi questo appello è aperto alla sottoscrizione cittadina che avverrà nelle piazze della Città e nella sede del Comitato “Riggio Sindaco”.

Qui sotto i primi firmatari:

Sabino Novaco – Bruno Sorano – Donatella Moia – Silvia Campione –  Patrizia Mascarello – Matilde Caricchia – Carla Bolzani – Salvatore Fois – Leonardo Maresca – Anna Maria Pizzi – Antonio Orlando – Massimo Corona – Luigi Moretti – Stefano Ferrini – Pietro Rega – Antonio Pregnolato – Nicola Romeo – Carlo Bosco – Vincenzo Di Stefano – Gisella Candela – Maria Bonavene – Fabrizio Romeo – Rosi Di Matteo – Antonio Di Tanna – Pia Di Rienzo – Carmela Longo – Onoria Spanu – Pierangela Siderot – Raffaella Romeo – Luca Battaglia – Vanda Dotto – Silvia Fracchia – Flora Sessa – Michele Di Lorenzo – Fabio Di Tanna – Giulia Della Ventura – Carlo Napoletano – Fernando Stifaneli – Morena Gonzales – Francesco Viterbo – Girolamo Schiariti – Luigi Biancotto – Maria Iaccorinti – Paola Valle – Claudio Valle – Giuseppe Serra

can-stock-photo_csp0582286

Io Candidato Sindaco di Nichelino

striscione

Come sapete, sono quasi tre settimane che non rilascio dichiarazioni pubbliche. Sono rimasto in silenzio perché nutro un profondo rispetto per i quasi 6000 cittadini che hanno atteso anche ore per votare un candidato alle primarie del 16 febbraio u.s. Sono sempre convinto che le primarie siano un patto tra i cittadini e i partiti che le organizzano: questi ultimi, infatti, si rivolgono ai primi per chiedere di scegliere il candidato Sindaco.

A Nichelino 5810 cittadini hanno scelto e hanno aderito a quel patto sottoscrivendolo. Il risultato è stato la mia vittoria e quindi la mia candidatura a Sindaco della coalizione del centro-sinistra composta ad oggi da Partito Democratico, Sel e Socialisti.

Oggi la mia candidatura non è in discussione. Io sarò candidato Sindaco di Nichelino. Perché ho assunto un impegno preciso: cambiare il modo di fare politica e di intendere la politica, in particolare a Nichelino.

Ieri, 12 marzo 2014, i due candidati sconfitti alle primarie Bonino e Azzolina, mi hanno chiesto di fare un passo indietro e si rendono disponibili a costruire un percorso politico diverso. Queste loro affermazioni portano gli stessi a sconfessare quel patto firmato e condiviso con i cittadini. Ne prendo atto.

Oggi chiedo ai partiti della coalizione di fare una scelta decisa e chiara: “vogliono anche loro annullare e non rispettare quel patto delle primarie sottoscritto da 5810 cittadini?”. Lo chiedo a Sel , ai Socialisti e anche ai Moderati i quali non hanno partecipato alle primarie ma oggi sono parte della maggioranza amministrativa comunale. Ma soprattutto lo chiedo al mio partito, il Partito Democratico che dovrebbe tutelarmi e aiutarmi a costruire una coalizione sempre più ampia per vincere le elezioni di maggio.

I cittadini devono saperlo e visti i tempi molto stretti tutti gli attori politici devono saperlo. Ricordo che il 25 maggio si vota e che il 10 aprile si devono consegnare le liste elettorali.

 

 

Angelino Riggio

Candidato Sindaco di Nichelino

 

Buon 8 marzo a tutte le donne!

Auguri a tutte le donne! La festa dell’8 marzo deve essere non solo una ricorrenza ma occasione per riflettere sulla condizione femminile nel lavoro e in ambiente domestico: come dimenticare soprusi e violenze di cui tanto si sente parlare. Colgo così l’occasione per promuovere la campagna “Posto Occupato” volta a fare “un gesto concreto dedicato a tutte le donne vittime di violenza. Ciascuna di quelle donne, prima che un marito, un ex, un amante, uno sconosciuto decidesse di porre fine alla sua vita, occupava un posto a teatro, sul tram, a scuola, in metropolitana, nella società. Questo posto vogliamo riservarlo a loro, affinché la quotidianità non lo sommerga.”
http://postoccupato.org/chi-siamo/

80205

Comunicato del 26-02 su Primarie

Questo Comunicato è stato scritto pochi minuti dopo la riunione svoltasi con il livello provinciale del Partito Democratico il 26 febbraio 2014.

Il comunicato è il seguente e ci scusiamo ma non era andata a buon fine la pubblicazione per un problema tecnico.

Il 16 febbraio si sono svolte a Nichelino primarie straordinarie: quasi 6000 votanti. Io ho vinto con 2314 voti, appena 38 più dell’altra candidata del PD.

Di fatto è stato un sostanziale pareggio e di questo va dato atto alla Dott.ssa Bonino che ha fatto una campagna straordinaria.

Altrettanto va detto di Alessandro Azzolina di Sel che, con poche risorse, ha ottenuto un risultato lusinghiero, il 20% dei voti.

Con queste premesse è possibile vincere a maggio.

Non mi nascondo però che una campagna elettorale così contrastata possa aver prodotto lacerazioni che pesano sul partito e sulla coalizione.

Mi rendo conto che alcune asprezze, delle quali per primo mi assumo la responsabilità, hanno rischiato di pregiudicare l’ottimo risultato e le premesse delle primarie.

Me ne rendo conto e ne chiedo scusa in primo luogo al Sindaco che ha guidato la città e mantenuto i servizi essenziali con risorse ridotte di oltre ¼ rispetto al fabbisogno comunale.

Auspico una distensione dei toni e dei rapporti con il Segretario cittadino del PD perché insieme si cominci a lavorare per la costruzione di una coalizione vincente.

A questo punto mi corre l’obbligo di chiedere scusa agli alleati se alcuni interventi sono apparsi sopra le righe a causa dell’euforia della vittoria.

Ribadisco il mio rispetto nei confronti dei partiti che compongono il governo della Città e che auspico vogliono concorrere a costruire una coalizione forte e un programma realistico e condiviso.

 

Nichelino, 26 febbraio 2014

 

Angelino Riggio

Candidato Sindaco di Nichelino del Centro Sinistra

Sulle Primarie

Il 16 febbraio si sono tenute le primarie.
Occorre rispetto verso questo istituto democratico e verso i quasi 6000 cittadini che hanno scelto.
Il risultato delle primarie è un dato numerico e politico inequivocabile, è da queste che bisogna partire e dall’impegno sottoscritto dagli altri candidati a sostenere il candidato vincente.
Verificate queste condizioni e sedate le tensioni che sono seguite ad una competizione così serrata, come candidato incontrerò ogni forza politica per formare una coalizione ampia sulla base di proposte programmatiche da costruire insieme nell’interesse della Città, superando ogni possibile pregiudiziale.

Ai sostenitori di Alessandro Azzolina

Miei cari,

permettetemi di chiamarvi così perché la maggior parte di voi è fatta di giovani e di persone che da poco si impegnano in politica: due condizioni stupende che fanno ben sperare per il rinnovamento della politica di cui tanto c’è bisogno a Nichelino e in tutta Italia.

So che il video pubblicato dalla STAMPA vi ha creato disappunto e me ne dispiace veramente.

Il contenuto di quel video, di cui da subito chiedo scusa e di cui mi assumo ogni responsabilità, ora non lo rifarei. Non solo per i suoi effetti negativi, ma perché era sbagliato.

Comunque due cose voglio dirle.

La prima è che il tutto avveniva pochi minuti dopo la vittoria (non erano ancora giunti al Comitato Elettorale i membri del seggio elettorale del Quartiere Castello). L’euforia del momento ha impedito che le espressioni e i comportamenti fossero pesati in modo adeguato.

In secondo luogo, l’elenco dei diversi punti cui seguiva l’OLE’ era quello di tutti gli ostacoli veri, presunti o totalmente sbagliati (per esempio “le case di Riontino”, a cui chiedo scusa) che si frapponevano alla nostra vittoria. Di chiacchiere sbagliate ne sono girate senza fine nella campagna per le Primarie e ognuna (a torto o a ragione) ha lasciato una traccia emotiva. Per cui il BASTA! con cui ho concluso l’elenco aveva una valenza liberatoria rispetto ai timori di non farcela a rimontare in soli due mesi il distacco dalla candidata Bonino, che era pronta a questo appuntamento da anni.

Sicuramente non era rivolto a dire basta alle persone citate che, tutte, meritano e hanno il mio rispetto.

Non c’è dubbio che la candidatura di Alessandro Azzolina ci ha messo molto in apprensione e questo per due motivi.

Il primo è che si trattava, come i numeri hanno dimostrato, di una candidatura forte e che si rivolgeva a un elettorato per me difficile da conquistare (i giovani) perché sono “vecchio”.

In secondo luogo perché gran parte del rimanente elettorato di Alessandro era largamente sovrapponibile al mio, vista la grande affinità politica e la stima reciproca che ci lega da lungo tempo.

Ho riconosciuto pubblicamente e in numerose occasioni il suo valore, la sua ricchezza di idee e l’impegno (che condividiamo) a fare di Nichelino una Città di Cultura.

In privato sono arrivato a proporlo come Sindaco, cosa che sarei pronto a fare anche adesso, non fosse altro che per favorire un ricambio generazionale che da sempre ho incoraggiato.

Me lo impedisce il fatto che questo minerebbe in modo irrimediabile l’istituto democratico delle Primarie, deluderebbe gravemente i quasi 6.000 elettori che pazientemente hanno fatto la coda per esprimere il loro voto, colpirebbe le centinaia di militanti (la componente più importante della politica cittadina) che si sono impegnati ognuno per il proprio candidato.

Inoltre esiste un patto, solennemente sottoscritto dai tre partecipanti alle Primarie, che impegna a supportare lealmente il vincitore. E i patti, non solo per la democrazia, sono essenziali per la convivenza civile.

Un’ultima notazione: ho aspettato a pubblicare questo testo perché frequento pochissimo il web e soprattutto perché prima, per la stima che ho per Alessandro, volevo sottoporlo a lui.

1017564_10203218474652750_1869878586_n

RIFLETTIAMO SULLA SANITA’

Vorrei che riflettessimo insieme sui tempi d’attesa al nostro Distretto:

* Chirurgia plastica 58 giorni

* Neurologia 125 giorni

* Oculistica 294 giorni

* Odontostomatologia 175 giorni

* Elettrocardiogramma 38 giorni

* Ecografia addome 64 giorni

Tutto questo si aggiunge ai servizi che non ci sono più (chirurgia generale, esofagogastroduodenoscopia, mammografia ecc.), che sono stati ridotti al minimo (day surgery, radiologia, ecc.) o che non ci sono mai stati (EEG, Spirometria,ecc.) pur essendo comuni e di basso costo.

E’ vero che molti di questi servizi sono disponibili negli altri distretti dell’ASL. Avete presente però che cosa vuol dire, specialmente per anziani e malati, arrivare con i mezzi pubblici a Carmagnola, a Chieri, a Carignano?

Mentre è doveroso denunciare i danni che ha fatto la Giunta Cota (scippo dell’Ospedale in zona Carpice, svuotamento dell’Ospedale di Moncalieri, ecc.), dobbiamo aprire un contenzioso con l’ASL per ragionare sui costi (una vera e propria spending review) e sulla razionalizzazione dei servizi eliminando gli sprechi, valorizzando la medicina di territorio, il rapporto tra medici di base e specialisti (del distretto e dell’Ospedale), potenziare i servizi di maggiore richiesta e necessità.

sanita177u

IL GIUBBOTTO DI FILIPPO

Qualcuno mi ha fatto notare che, in tutta la (brevissima) campagna per le Primarie, ho indossato sempre lo stesso giubbotto verde impermeabile.
“E’ vero” ho pensato. “Forse l’ho fatto senza accorgermene preso dai mille impegni durante la campagna per le primarie.”
Poi ci ho riflettuto e ho capito che la spiegazione vera era un’altra.
Quel giubbotto non è mio. O meglio, non è stato sempre mio.
Era del mio amico Filippo che un tumore si è portato via da poco (quando ti manca una persona cara, sembra sempre da ieri).
Filippo era stato con me nel Consiglio dei Delegati di Porta Nuova, quando ero ferroviere, prima del 1981. Nel 1985, quando seppe che ero candidato al Consiglio Comunale di Nichelino, organizzò un folto gruppo di ferrovieri che costituì il primo comitato elettorale della mia vita. Giravano per Nichelino portando ovunque i miei volantini, le mie proposte, i miei “santini”. Per lui la mia vittoria fu la sua. Mi accompagnò e mi incoraggiò in tutto il mio percorso politico, anche quando per motivi personali o familiari volevo lasciare. Sempre, con generosità. Con amicizia.
Quando è morto, siccome avevamo la stessa corporatura, sua moglie volle che io tenessi il suo giubbotto verde. E in questa campagna per le Primarie indossando quel giubbotto, mi è parso di averlo sempre con me che mi diceva: “Vedrai che ce la facciamo. E’ difficile. Ma se le cose non sono difficili non c’è divertimento!”
La mia vittoria di oggi è anche la vittoria di Filippo.
Oggi ho avuto la fortuna di avere intorno a me tanti Filippo, i membri del mio Comitato Elettorale, che ringrazio uno ad uno per il loro impegno, generosità, cultura, attaccamento agli ideali. Considerato lo scarto minimo con cui ho vinto posso dire che, senza il lavoro anche di uno solo di loro, non ce l’avrei fatta.
Io penso che l’amicizia, il senso della parola data, la generosità, l’onore (questa parola dimenticata!) siano le nostre principali ricchezze. Come si dice dei gioielli, sono i nostri VALORI.
Teniamoceli stretti. C’è un rapporto inscindibile tra valori, ideali, futuro e speranza.
Perché Nichelino riparta e superi la disperazione e la rabbia, generate dalla crisi, abbiamo bisogno di credere nei nostri veri valori e non inseguire il potere o l’interesse personale.

1545909_634887093238677_1615479682_n

NICHELINO CITTA’ AMICA DELLE DONNE

Da Sindaco, mi impegno a produrre il BILANCIO DI GENERE.

Per promuovere le pari opportunità, la partecipazione delle donne alla vita amministrativa della Città esiste uno strumento che si chiama BILANCIO DI GENERE. Cosa vuole essere? Accanto agli atti contabili del Comune, Bilancio di Previsione e Bilancio Consuntivo alcune Amministrazioni hanno deciso di adottare anche il Bilancio di Genere, cioè declinare gli investimenti e le spese del Comune tenendo conto del punto di vista delle donne. In questo caso la Consulta, così come è scritto, può svolgere un controllo di come e quanti denari si spendono per sostenere le azioni in favore delle donne. Si avrà la situazione semplificata di quanto viene investito ad esempio per sostenere le famiglie in difficoltà, le famiglie monogenitoriali, i servizi per l’infanzia, per gli anziani e per i malati non autosufficienti, la promozione del lavoro e della figura femminile. Quali siano le progettualità legate alla Sanità, ad esempio quali sinergie costruire tra il Poliambulatorio e i servizi sanitari che interessano particolarmente la maternità e tutte le fasi di cambiamento a cui vanno incontro le donne, ad esempio la menopausa. Quali progetti culturali sulla Città per promuovere una vera società delle pari opportunità a partire dall’educazione dei bambini e dei ragazzi. Come aiutare e seguire le donne che sono vittime di soprusi e violenze all’interno e fuori della famiglia. “NICHELINO CITTA’ AMICA DELLE DONNE ” questo sarà il mio impegno. Ci saranno progetti che potranno essere a costo zero altre invece avranno bisogno di qualche finanziamento, lo sportello “PARI e DISPARI” è stato un primo importante tassello, ma non è sufficiente; le scelte che si faranno avranno bisogno della partecipazione delle donne stesse con la loro capacità, sensibilità e fantasia per costruire nella nostra Città una nuova cultura sociale confrontarsi concretamente con “l’altra metà del cielo” è indispensabile.

 parita-genere

PROLUNGARE LA LINEA 4 FINO A STUPINIGI. PROGETTI PER I MEZZI PUBBLICI

Era possibile negli anni ’30 del secolo scorso: perché non farlo adesso?

Sappiamo che è intenzione del Consorzio di Gestione della Reggia di Venaria gestire anche la Palazzina di Caccia di Stupinigi. Ho già detto in un punto del mio programma che, da Sindaco, ho intenzione di entrare in quel Consorzio di Gestione (come già fa il Sindaco di Venaria e ha intenzione di fare il Sindaco di Torino). L’obiettivo è fare in modo che Stupinigi, e con essa Nichelino, diventi un polo turistico valorizzando come ateliers d’arte le cascine che circondano la Palazzina.

In questa ottica, chiederò al Comune di Torino di prolungare la linea 4 fino a Stupinigi.

Così facendo la nostra linea 39 potrebbe arrestarsi all’intersezione con la linea 4: potremmo così andare con un mezzo pubblico fino a Stupinigi (cosa per ora è impossibile da Nichelino) o andare verso il Centro di Torino. Con i chilometri risparmiati della linea 39 (che non servirebbe prolungare fino a Piazza Caio Mario) e con quelli risparmiati dal 35 (che presto diventerà solo una navetta tra la nostra Città e la fermata della Metropolitana in Piazza Bengasi), potrebbe essere attivata una linea Circolare interna a Nichelino.

E’ un bel progetto da perseguire per usare di meno l’auto e più il mezzo pubblico.

foto tram stupinigi